Friday, 17 April 2020

LA.MAISON.DIEV


ARCANO XVI
LA MAISON DIEU

Questa carta, popolarmente chiamata La Torre, è spesso letta nel suo significato superficiale di crollo, separazione, disastro, terremoto che distrugge ogni stabilità e sicurezza.
Una metafora della Torre di Babele, spazzata via dalla fiamma dell'ira divina che disperde le genti e le divide creando lingue diverse che non permettono agli uomini di capirsi tra di loro.
Questo significato può essere corretto: un progetto che fallisce, un lavoro comune di costruire un qualcosa insieme che di colpo vien giù e va abbandonato, due persone che si separano... addirittura difficoltà a venire al mondo, un parto difficile eccetera... ma questo non è l'unico significato. C'è molto di più.
Questa carta rappresenta il livello 6 nel Tarocco evolutivo ed è un 6 che viene da dentro, dal profondo, dall'inconscio. Ciò che avevamo costruito fino ad ora e che aveva un senso fino a prima, ormai non corrisponde più ai nostri desideri più autentici e si è trasformata di colpo in una prigione.
Il fatto che una fiammata divina, che viene dalla cielo a destra (il futuro), rappresenta che finalmente qualcosa di superiore scoperchia la corona a 4 punte (la razionalità, la chiusura mentale logica dell'Imperatore) e finalmente mettiamo da parte ciò che ha senso da un punto di vista puramente mentale e lasciamo uscire ciò che viene da dentro: la nostra vera essenza, la creatività multicolore!
Allora la fiamma può ben essere la coda di un uccello tropicale che esce dalla gabbia e le due persone là sotto sono degli uomini che escono dalla loro prigionia e finalmente scoprono il mondo da un altro punto di vista. Addirittura sembrano dei giocolieri, come se il mondo fosse un grande circo, un gioco infinito dove ogni pietra è un tesoro dorato.
Nel cielo, per aria, tutta una serie di luci festose! Una specie di discoteca dello spirito!
E che dire poi del fatto che il nome de La Torre sia in realtà La Casa-Dio? 
La casa che è anche un Dio è il nostro corpo, la nostra vita su questo piano terreno, corporale. In noi si manifesta il lato divino, ma si tratta della casa della nostra anima, dove abitiamo. È anche per questo che il colore della torre è color di carne. 
Nei sogni l'immagine della casa, delle parti domestiche e dei muri dove abitiamo ha un chiaro significato psicologico archetipo.
Interessante poi anche il fatto che nei primi tarocchi antichi rinvenuti invece di La Casa-Dio la carta fosse in realtà nominata come La Casa-Diavolo... davvero la nostra vita terrena e i nostri impulsi corporali sono istinti diabolici? O saranno invece parte del disegno divino?
(Non a caso questo arcano può suggerire anche la sessualità maschile, l'orgasmo dell'uomo o anche l'eiaculazione precoce...)


Ma perchè mai parlarvi tanto di questa carta?
Perché in realtà questa carta è molto attuale! E ultimamente osservandola ho potuto notare in lei una grande metafora dei nostri tempi: il corona-virus!
L'onnipresente virus di cui ormai tutti parlano ogni giorno. E anche io... e anche qua nel blog!
Questa carta, applicata a questo periodo rispecchia tutte le dinamiche e le incongruenze che stiamo vivendo:
La casa-prigione in cui le persone sono confinate e rinchiuse, separate tra loro. L'isolamento sociale che stiamo sperimentando tutti. Persone che si amano o della stessa famiglia sono obbligate a stare lontano una dall'altra. Il fatto che la stabilità razionale del 4, l'Imperatore, attraverso la quale avevamo costruito la nostra stabile vita organizzata e sicura viene a crollare e non possiamo più decidere noi cosa fare: tutto dipende da una fiamma divina più forte di noi.
Ed ecco che appaiono i pallini del corona virus nell'aria, dappertutto, fluttuanti nel vento.
Siamo costretti a vedere le cose da un'altro punto di vista e la rinascita sarà un processo difficile. Immense quantità di oro e soldi sono state buttate per strada e perse.
L'incertezza che ci fa mettere in dubbio tutto il nostro sistema sociale e di valori.
Addirittura il progetto europeo sembra vacillare di fronte a tutti questi minuscoli pallini colorati che fluttuano nell'aria dappertutto.

Questa carta insomma rappresenta la situazione, la sfida che dobbiamo affrontare e anche le opportunità che ci apre questa nuova esperienza collettiva: La Maison Dieu è una fiammata divina. Certe cose non corrispondono più al cammino che dobbiamo portare avanti. Dobbiamo abbandonare e lasciar crollare certe strutture che ci facevano comodo, ma che ci imprigionavano in un sistema rigido e limitato. Dobbiamo entrare in contatto con le cose irrisolte che ci bruciano dentro e che cercavamo di rinchiudere nel profondo di noi e che volevamo dimenticare per sempre.
Dobbiamo far uscire il nostro lato creativo, aprirci a un nuovo sogno, una nuova creatività. Vedere tutto da un nuovo punto di vista.
Se non accettiamo questa sfida inevitabilmente questa carta si presenterà soltanto come una distruzione. Se invece accettiamo di far questo passo, questa esperienza ci dà la possibilità di liberarci e di entrare in un mondo più autentico e più libero.


Tuesday, 13 November 2018

punto della situazione

Questo è più un promemoria mio che una cosa interessante per qualche altra persona, ma siccome l'altro giorno mi son trovato di nuovo nella situazione di rispondere alla domanda "da quanti anni vivi a Barcellona?", mi sono detto... è ora di calcolarlo davvero!
I risultati sono curiosi, ai miei occhi (e forse per qualche familiare anche potrebbero esserlo), quindi li scrivo qua, pubblicamente, come un riassunto-promemoria per il futuro.

Per capire effettivamente quanto tempo ho passato in Spagna devo fare dei lunghi calcoli di viaggi, età, lavori, spostamenti... ecco dunque il risultato finale! Dettagliatissimoooo!!

Nei miei 41 anni di vita ecco la classifica degli stati in cui sono stato, in ordine crescente (gli scali aerei in aeroporti di qua e di là, non sono contati):

1-Città del Vaticano............ un paio d'ore
2-Turchia............................ 4 ore
3- Andorra.......................... 5 ore
4- Belgio............................. 1 giorno e mezzo
5- Argentina........................ 2 giorni
6- Svizzera.......................... 3 giorni
7- Danimarca...................... 3 giorni
8- Sud Africa...................... 3 giorni
9- Giordania....................... 4 giorni
10- Slovenia....................... 5 giorni
11- Norvegia.......................5 giorni
12- Svezia...........................6 giorni
13- Namibia........................6 giorni
14- Olanda..........................6 giorni
15- Germania..................... 15 giorni
16- Stati Uniti.................... 15 giorni
17- Croazia........................ 20 giorni
18- Irlanda......................... 20 giorni
19- Polonia........................ 25 giorni
20- Portogallo.................... 1 mese
21- Tanzania...................... 1 mese
22- India............................ 1 mese
23- Regno Unito................ 2 mesi e mezzo
24- Mozambico................. 3 mesi
25- Israele.......................... 3 mesi
26- Francia......................... 3 mesi e mezzo circa
27- Angola......................... 6 mesi
28- Marocco...................... 10 mesi
29- Sierra Leone................ 11 mesi
30- Brasile......................... 2 anni circa
31- Spagna......................... 8 anni circa
32- Italia............................ 27 anni circa

Il calcolo della permanenza spagnola viene dal calcolo della mia età meno tutti i mesi in altri paesi meno la permanenza in Italia (approssimata ma verosimile, tra mille ritorni il calcolo esatto è difficile) et voilà, finalmente! Nella realtà dei fatti, sommando mille andirivieni e togliendo i periodi in cui fisicamente non ero presente in Spagna, vivo qua da 8 anni!

dati curiosi:
5,9 anni della mia vita ero presente in paesi che non erano né Italia né Spagna (da qualche altra parte insomma)
36 anni della mia vita li ho passati in Europa
2,6 anni in Africa
2,1 anni nelle Americhe
0,4 anni in Asia

Bene, questo è tutto per ora!
Appuntamento alla prossima puntata! hehe

Sunday, 29 April 2018

Tarot (gratis!)

Me estoy especializando en mi nueva pasión: el Tarot!
Es realmente un gran lenguaje simbólico y un potente instrumento de conexión con el inconsciente de cada uno de nosotros.
Como dice Alejandro Jodorowsky, no hay nada que ver con la magia y el futuro no se puede prever ya que no está escrito, pero el tarot es una maravilla de sabiduría y una máquina de conexión psicológica que sobrepasa la mente, comunicando directamente con símbolos a nuestro lado más secreto.


Así que nada!
Estoy deseando practicar más y más todos los días!
ya mis amigos están cansados de tener que escuchar mis lecturas sobre preguntas de sus vidas... así que estoy a la búsqueda constante de alguien que quiera hacerme una pregunta y que me diga 3 cartas (o 10, depende de los gustos) para obtener una lectura personalizada.

El tarot es casi infalible (no en el sentido que prevea el futuro o que genere milagros, sino que es imposible que no conecte con algún lado de nosotros!), por eso os invito a contactarme a mi email mas.pietrobon@gmail.com y (de forma totalmente gratuita, claro!!) os voy a hacer una lectura!

pues adelante!

- 3 números de 1 a 22 (o si os apetece, 10 números) sin repetirse. (elegir el orden también, que es importante)

- una pregunta sobre algo que sea importante para vosotros en este momento. (no se trata de adivinar, sino de colaborar para entrar en contacto con nuestro inconsciente profundo, así que cuanto más clara la pregunta, más sentido puede cobrar la respuesta)

- cualquier otro dato, si os apetece: nombre, edad, situaciones personales... o simplemente nada más que las cartas y la pregunta... como quieran

Preguntas y respuestas serán privadas, no públicas. máxima privacidad.

Si os animáis a escribirme me haréis un gran favor!

hasta pronto!

Massimo.